Aumenta la dimensione del testo Diminuisce la dimensione del testo
ISTITUTO COMPRENSIVO MACERATA CAMPANIA
Sei in: Home > CHI SIAMO > STORIA





Stampa

ANALISI DEL TERRITORIO

 Macerata Campania è un comune di 10.124 abitanti della provincia di Caserta., logisticamente situato nel triangolo Caserta - S. Maria Capua Vetere - Marcianise;
 infatti i vari centri abitati distano fra loro solo alcuni chilometri. Oltre al comune capoluogo, comprende le frazioni di Caturano e Casalba. 

LA STORIA

 La storia di Macerata Campania è di difficile lettura per la scarsità delle fonti storiche; si confonde infatti con quella della antica Capua, corrispondente all'attuale Santa Maria Capua Vetere, essendo stato casale di quest'ultima per lunghissimi secoli. Di qui la storia di una popolazione etrusca prima, osco-sannita poi, infine romana, esposta ad una intensissima comunità di destino, di drammi e di onori con le opulenze della contigua Capua. Storia, spessissimo caratterizzata anche da saccheggi, distruzioni, scempi, in buona parte riconducibile alla sua collocazione  topografica, in prossimità della via Appia e della via Atellana. Dalla radice etimologica del verbo macero, deriverebbe il nome Macerata, nel significato non tanto riferibile alla coltivazione della canapa, quanto al sofferto senso di rovina, di demolizione a quel verbo conferito dai latini. Macerata già dal secolo XI è stata uno dei distretti della Terra dei Lagni che componeva il territorio di Capua. Varie fonti storiche fanno ritenere che il nucleo cittadino sia sorto due secoli prima, ma non prima dell'anno 841, anno in cui Capua romana fu distrutta dai Saraceni. Dal 1862  fu denominata Macerata di Marcianise comprendente  l'odierna Macerata Campania e l'odierna Portico di Caserta; si chiamerà Macerata Campania dal 1946 a seguito della soppressione del comune di Casalba, il quale ha avuto una vita alquanto breve (dal 1 gennaio 1929 al 30 giugno 1946) Tra i monumenti della cittadina di sicuro fascino è la chiesa dedicata a San Martino Vescovo. In mancanza di documenti certi si ritiene che la chiesa possa essere sorta prima dell'anno 688, anno del rinvenimento del corpo di S. Rufo, in loco Macerata Campania, (come affermato dallo storico G. Iannelli); certamente è stata costruita prima del 935, anno di nascita del santo maceratese Stefano Minicillo, che proprio nella chiesa del suo villaggio apprese le prime nozioni della fede che l'avrebbe portato agli onori degli altari. Tra le figure ecclesiastiche che hanno retto la chiesa di San Martino Vescovo, nel corso dei secoli, un posto di rilievo spetta all’abate capuano Francesco d'Isa, parroco di Macerata Campania per alcuni decenni durante il XVII secolo, il quale, nel 1608 la restaurò dalle fondamenta. Nel corso degli anni la chiesa ha subito continui cambiamenti, fino ad arrivare a come si presenta oggi. La festa più importante e amata dai maceratesi è quella dedicata a Sant'Antonio Abate, che ricorre ogni anno il 17 gennaio. Nei giorni che precedono e seguono questa data si organizza la sfilata dei gruppi delle "past e llesse", le cui origini si perdono nel tempo; gruppi di uomini su carri addobbati suonano strumenti agricoli a percussione mediante colpi inferti sulle botti, sulle falci e sui tini. creando ritmi dai significati lontani e profondi, che trasmettono la forza delle radici contadine e della vita nei suoi significati più forti : l’amore e il rapporto con la terra - con le sue paure da esorcizzare.

CONTESTO SOCIO - ECONOMICO

 Macerata Campania  è posto in una zona verde e pianeggiante. L'economia del paese è stata tradizionalmente legata all'agricoltura ed all'allevamento; solo negli ultimi anni si è avuta una espansione del settore terziario.        Dal punto di vista demografico negli ultimi anni nel paese si sono stabiliti numerosi extracomunitari. Non  tutte le famiglie partecipano all’evoluzione culturale dei ragazzi Sul territorio sono poche le infrastrutture che possano suscitare interesse e curiosità nei giovani, molti sono invece i punti di aggregazione di tipo ricreativo. Tra i problemi più gravi del paese c’è la diffusione della droga che impegna tutte le istituzioni e tra esse sicuramente la scuola .   



   
  Ultimi aggiornamenti  Ultimi aggiornamenti   I più visitati  I più visitati   Statistiche portale  Statistiche portale
  • Utenti collegati: 133
  • Utenti registrati: 3
  • Contenuti presenti: 88
  • Accessi univoci: 11649
  • Documenti in area download: 3
   
© 2014,2021 ISTITUTO COMPRENSIVO MACERATA CAMPANIA Obiettivi di accessibilità | Note legali | contattaci | Area Riservata

P.iva 94017830616

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Level A conformance icon, 
                                              W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Cynthia Tested!


Designed and Hosted By 3D Solution S.r.l.
MyPortal Educational & Government è un servizio fornito dalla 3D Solution S.r.l.
MyPortal Educational & Government versione: 1.6.9
La pagina é stata elaborata in ,08 secondi
CALENDARIO EVENTI LIBRI DI TESTO DOCUMENTI MODULISTICA CIRCOLARI ORARI RICEVIMENTOFORMAT I.C. ORARIO LEZIONI IMMAGINIPROGETTIDOCENTIAREA SOSTEGNOEXPOPTOFRAV   AREA RISERVATA        DOCENTIBussola della trasparenzaPONREGOLAMENTIStrumento musicale
DOVE SIAMO STORIA PRESIDENZA SEGRETERIA ORGANI COLLEGIALI FUNZIONI STRUMENTALI RSU
CONTATTA LA REDAZIONE ULTIMO NUMERO ARCHIVIO
INFANZIAPRIMARIASECONDARIA DI PRIMO GRADO
P.O.F.- PTOF VIAGGI USCITE DIDATTICHEPROGETTI
SPAZI ATTIVITA' EVENTIGiornalino scolstico ARCHIVIO DIDATTICOBIBLIOTECAGENITOREALUNNI